mag 4, 2012

Pubblicato da alternatura | 0 commenti

Colonial Williamsburg

ciò che il futuro può imparare dal passato

Questo il motto della città di Colonial Williamsburg. Diventata Capitale della Virginia dopo Jamestown, perchè collocata in una posizione più felice. Dimenticata e abbandonata a se stessa, una volta che Richmond ne ha raccolto l’eredità amministrativa (che conserva tutt’oggi). Risorta letteralmente dalle ceneri grazie alla caparbietà di un sognatore ”The Doctor” W.A.R. Goodwing e alla facoltà di un miliardario John D. Rockefeller. Il suo centro storico, ristrutturato a regola d’arte, è la più grande operazione interpretativa mai realizzata. Niente macchine o mezzi motorizzati.  Passeggiando per le strade o se preferite in carrozza, infilandovi nelle case, nei palazzi e nelle bottoghe, bevendo e mangiando nelle taverne, ballando nelle sale dei ricevimenti, rilassanodovi nei giardini e ammirando le piantagioni di tabacco, è possibile incontrare (vestiti in abiti  d’epoca)la gente comune e i personaggi più celebri (George Washington, Thomas Jefferson, Patrick Henry,…) che hanno scritto la storia della Dichiarazione d’Indipendenza, rivivendo così la tensione e l’esultanza dei giorni salienti, che hanno decretato la liberazione dalla Corona Inglese, per quelli che diventeranno gli Stati Uniti d’America.

Peccato solo non essere riuscito a convincere Steve a noleggiare due parrucche bianche e andare  a spasso spavaldi per le strade della storia.

Domani aereo da Philadelphia, si rientra a casetta…

Lascia un commento

*